Allergie primaverili: 7 consigli per ridurne gli effetti

Le persone che amano la natura ma soffrono di allergie primaverili hanno il nostro pieno appoggio. Pensando a loro, lanciamo questo post con una serie di consigli che li aiuteranno a continuare a godere della loro passione minimizzando il prurito, gli starnuti e gli occhi che lacrimano…

C’è un noto detto che dice: “la primavera cambia il sangue”. E le persone che sono particolarmente sensibili a certi allergeni naturali e che soffrono di allergie primaverili sanno cosa significa questo detto.

Per loro, è l’inizio di un periodo in cui camminare sui prati, nelle foreste o lungo le rive dei fiumi può essere una vera sofferenza. Le allergie primaverili possono causare occhi acquosi, starnuti, prurito o anche spasmi delle vie respiratorie. che può anche portare ad attacchi d’asma.

Quali sono gli allergeni naturali che scatenano le allergie primaverili?

Nell’ambiente naturale che amiamo, ci sono innumerevoli cose che il nostro corpo può identificare come estranee: polline, peli di animali, acari della polvere, muffa, cibo, punture di insetti, ecc.

allergie di primaveraIl polline è un allergene importante.

Se entriamo in contatto con loro, il sistema immunitario delle persone molto sensibili li identifica come possibilmente pericolosi. Quindi reagisce producendo quantità molto più elevate di immunoglobuline E, o IgE, di quanto facciamo normalmente.

Ed è questa reazione eccessiva che produce i sintomi dell’allergia.

Cos’è l’allergia stagionale?

Quando gli allergeni che ci colpiscono sono “stagionali”, come i pollini delle piante, la reazione che producono è nota come allergia stagionale. La primavera è uno dei periodi di punta di queste allergie.

Questo perché corrisponde al tempo in cui numerose specie di piante hanno fiorito e diffuso il loro polline..

Allergie primaverili: 7 consigli per ridurne gli effettiLe allergie stagionali sono legate alla fioritura.

Infatti, i mesi peggiori per le persone sensibili o atopiche tendono ad essere da aprile a giugno.

Questo perché la betulla, il pioppo, il cipresso, il pino, la quercia, l’olivo, il leccio o le graminacee diffuse vengono solitamente impollinate in questo periodo, con variazioni a seconda della posizione geografica.

Allergie primaverili: 7 consigli per ridurne gli effetti

Come evitare o ridurre le allergie primaverili?

La prevenzione delle malattie è il miglior trattamento, ma la verità è che non possiamo sempre prevedere la presenza di allergeni nell’ambiente in cui camminiamo o corriamo.

1. Scoprire la vegetazione e i livelli di impollinazione.

Conoscere la vegetazione della zona che visiterete. può guidarci sul rischio di soffrire di un’allergia stagionale.

Inoltre, ci sono indirizzi internet dove possiamo per scoprire i livelli di impollinazione di varie specie di piante.come:

Allergie primaverili: 7 consigli per ridurne gli effetti

https://www.polenes.com/es/home

Allergie primaverili: 7 consigli per ridurne gli effetti

https://www.eltiempo.es/polen

Allergie primaverili: 7 consigli per ridurne gli effetti

Niveles de polen

2. Evitare i giorni secchi e ventosi

Un’altra opzione è quella di evitare l’esposizione nei giorni secchi e ventosi.perché facilitano la dispersione degli allergeni.

  • allergie di primaveraL’erba e il vento sono una cattiva combinazione.

  • 3. Evitare i periodi di picco del polline

    Si sa anche che programmi quando la presenza di polline nell’aria è di solito più alta è di solito tra le 05:00 e le 10:00al mattino, e tra le 19.00 e le 22.00. la sera.

    Purtroppo, questo margine di tempo interferisce con molte attività in natura.

    4. Non dimenticare i tuoi occhiali da montagna

    Usa occhiali da montagna è anche utile, perché riduce l’esposizione degli occhi, che sono particolarmente sensibili e reagiscono con irritazione e lacrimazione fastidiosa.

    allergie di primavera

    5. Prendi un Buff!

    Usare un buff o simili in modo che le particelle allergeniche sospese nell’aria respirata vengano filtrate e raggiungano il tratto respiratorio in quantità minori.

    Questa presentazione richiede JavaScript.

    Allergie primaverili: 7 consigli per ridurne gli effetti

    6. Respirare attraverso il naso

    Faremo in modo che il ispirazione è fondamentalmente nasaleI villi, il muco e i labirinti dei turbinati ridurranno almeno l’entrata del polline nelle vie aeree più profonde, riducendo così il rischio per i bronchi.

    7. Fare da guida

    Durante una traversata dei Pirenei, seguendo alternativamente tratti del GR 10 e 11 e della Haute Route, alla fine di una tappa ho assistito una persona con una forte reazione infiammatoria agli occhi, alle palpebre e alle vie respiratorie superiori.

    Era il mese di luglio e quel giorno avevo camminato con un gruppo di circa 15 persone e due guide attraverso i prati verdi delle montagne di Andorra.

    Allergie primaverili: 7 consigli per ridurne gli effetti

    Siccome la strada da percorrere il giorno dopo correva su un terreno simile, di fronte all’alternativa di rinunciare e tornare a casa, gli ho offerto un’altra opzione.

    Finché c’era erba o polvere, doveva camminare davanti anche alla guida principale. Doveva anche guardare la direzione del vento, in modo da essere nel gruppo, se possibile, di bolina.

    In questo modo non era influenzato dal polline sollevato dalle persone che lo accompagnavano.

    Allergie primaverili: 7 consigli per ridurne gli effettiCamminando nell’erba, disperdiamo gli allergeni.

    Con queste avvertenze, la loro esposizione al polline dell’erba era molto più bassa. che il giorno precedente e fu in grado di continuare la traversata senza gravi inconvenienti.

    Con attenzione, un po’ di attrezzatura e un po’ di astuzia, anche chi soffre di allergie stagionali può godersi la natura durante questi tempi difficili.

    Da Kepa Lizarragaspecialista in medicina dello sport, e Mikel Lizarraga, Analista fisico-chimico. Entrambi i collaboratori di Forum Sport

    Altre domande che possono suscitare la vostra curiosità:

    • DI QUANTI GRADI UN BUFALO RISCALDA L’ARIA CHE RESPIRIAMO: ESPERIMENTO SCIENTIFICO
    • ANIMALI IN MONTAGNA: COME COMPORTARSI CON LORO?
    • PERCHÉ CI SONO SCARPONI DA TREKKING DA DONNA E SCARPONI DA TREKKING DA UOMO?

    About the author