Come affrontare i disagi del viaggio in caso di disabilità

1
Deposit bonus 100% up to €200
2
Deposit bonus Up to €3,000 Free
3
Deposit bonus Fino a €3.000 Pacchetto di benvenuto
4
Deposit bonus Gratta e vinci 7 euro gratis
5
Deposit bonus Bonus del 100% fino a 250€

La grande riapertura dei viaggi nel 2022 non è andata esattamente come tutti immaginavano. Dopo due anni in cui il turismo internazionale è stato fortemente limitato dalla pandemia COVID-19, questa doveva essere l’estate in cui i vacanzieri avrebbero potuto nuovamente spiegare le ali ed esplorare il mondo senza ostacoli.

Nessuno aveva previsto gli effetti duraturi della pandemia sugli operatori turistici. Le compagnie aeree e gli aeroporti operavano ancora con livelli di personale molto bassi, avendo dovuto abbandonare molte persone durante la pandemia.

Mentre la domanda di passeggeri è tornata ai livelli pre-COVID quasi subito dopo l’abolizione delle restrizioni, il reclutamento richiede tempo. E molte persone che lavoravano nel settore aereo hanno trovato lavoro altrove.

Questo spiega le scene caotiche che si sono viste negli aeroporti del Regno Unito e dell’Europa dopo Pasqua. Semplicemente, con gli attuali livelli di personale, gli aeroporti non possono farcela. I passeggeri devono fare ore di coda per imbarcare i bagagli, passare i controlli di sicurezza e salire sugli aerei. I ritardi nelle partenze causano enormi colli di bottiglia nel traffico aereo, con conseguenti massicce cancellazioni di voli. I bagagli scompaiono e i vacanzieri sono bloccati a destinazione dopo la cancellazione del volo di ritorno.

In mezzo allo stress e alla sofferenza di tutti i passeggeri aerei, un gruppo sembra essere colpito in modo sproporzionato. La morte di un disabile all’aeroporto di Gatwick dopo essere caduto da una scala mobile ha fatto notizia e ha dato il via a un’inchiesta. Ma la tragedia potrebbe essere tutt’altro che un incidente isolato. Secondo le associazioni di beneficenza, gli attivisti per i diritti dei disabili e gli stessi passeggeri, le persone a mobilità ridotta vengono lasciate senza assistenza negli aeroporti per mancanza di personale.

Nel normale corso degli eventi, se avete problemi di mobilità, potete aspettarvi di ricevere aiuto in ogni fase del vostro transito in aeroporto. Questo include il check-in prioritario e l’autorizzazione di sicurezza per evitare le code, l’assistenza personale per spostarsi da un luogo all’altro e l’aiuto per l’imbarco e lo sbarco.

Ma secondo le testimonianze dei vacanzieri disabili, nelle ultime settimane questo non è avvenuto. Le loro esperienze descrivono l'”umiliazione” di aver trattenuto un aereo pieno di altri passeggeri per oltre un’ora perché nessuno si era fatto avanti per aiutarli a salire a bordo, di essere stati lasciati seduti in un aereo vuoto dopo l’atterraggio per altrettanto tempo e persino di aver perso la mobilità dello scooter.

Quindi, se siete affetti da mobilità ridotta, cosa potete fare per affrontare l’attuale caos degli aeroporti? Ecco alcune informazioni utili da conoscere.

Conoscere i propri diritti

In primo luogo, se avete una disabilità, avete il diritto legale di ricevere assistenza negli aeroporti del Regno Unito e sui voli. Che si tratti di carenza di personale o meno, gli operatori aeroportuali e le compagnie aeree violano il loro dovere legale di assistenza se non viene fornita.

Questi diritti si applicano a chiunque abbia problemi di mobilità, comprese le persone con disabilità fisiche, alcune condizioni mediche e gli anziani. Include anche le persone che hanno difficoltà di interazione sociale e di comunicazione, in condizioni come l’autismo o la demenza.

Le leggi coprono qualsiasi volo da un aeroporto del Regno Unito e qualsiasi volo verso il Regno Unito con una compagnia aerea registrata nel Regno Unito o nell’UE. Tutta l’assistenza deve essere fornita gratuitamente.

Anche se conoscere i vostri diritti non cambierà il fatto che gli aeroporti e le compagnie aeree stanno affrontando gravi carenze di personale, non dovreste permettere a nessuno che lavora per un’agenzia di viaggi di ingannarvi dicendo che non può avere nessuno per aiutarvi. Siate pronti a ricordare loro che hanno l’obbligo legale di farlo.

Tracciamento della richiesta di assistenza

Di solito, al momento della prenotazione, vi verrà chiesto se avete bisogno di assistenza speciale da parte dell’agenzia di viaggio o della compagnia aerea. Tuttavia, anche se non si effettua una richiesta in quel momento, è possibile farlo fino a 48 ore prima della partenza.

Spetta all’agente di viaggio o alla compagnia aerea trasmettere i dettagli della richiesta all’aeroporto in modo che qualcuno possa accogliervi all’arrivo. È bene non dare per scontato che ciò sia avvenuto o che la richiesta inviata sia stata registrata e archiviata correttamente, soprattutto se si è prenotato con qualche mese di anticipo.

Inoltrate la richiesta all’agenzia di viaggio o alla compagnia aerea qualche settimana prima della partenza, e magari qualche giorno prima. Chiedete i dettagli della persona a cui è stata inoltrata la richiesta e contattatela direttamente, se potete. Molti aeroporti pubblicano ora i dettagli dei servizi di assistenza speciale che offrono sui loro siti web, ma è consigliabile avere il nome di qualcuno da contattare direttamente per confermare i propri dati.

Ricerca di servizi aggiuntivi

Alcuni aeroporti offrono servizi aggiuntivi che consentono di risparmiare tempo e fatica all’arrivo. Ad esempio, l’aeroporto di Manchester offre un servizio di check-in a domicilio che prevede che i bagagli vengano ritirati a casa vostra, portati in aeroporto e lasciati direttamente sul vostro volo. Si tratta di un servizio aggiuntivo a pagamento che non rientra nell’assistenza gratuita a cui avete diritto se avete una disabilità o un problema di mobilità. Ma questo e altri servizi offerti in altri aeroporti potrebbero fare una grande differenza nella vostra esperienza aeroportuale.

Acquistare un’assicurazione di viaggio adeguata

Infine, visti i rischi di interruzione del viaggio che i vacanzieri dovranno affrontare quest’estate, si raccomanda vivamente a tutti di stipulare un’assicurazione di viaggio. Per le persone a mobilità ridotta, non è raro che perdano il volo se non forniscono l’assistenza a cui hanno diritto durante il transito in aeroporto.

Inoltre, non bisogna ignorare il fatto che l’esperienza aeroportuale è attualmente stressante per tutti. Se si è affetti da una patologia, si potrebbe sentire male. Se ciò accade prima del volo di ritorno, potreste trovarvi nella situazione di dover pagare l’assistenza medica e poi un nuovo volo di ritorno quando vi sentite abbastanza bene.

L’assicurazione di viaggio vi coprirà per tutte queste eventualità: mancate partenze, assistenza medica all’estero, cambio di volo e altro ancora. Se avete una disabilità o una condizione medica, avrete bisogno di un’assicurazione medica di viaggio specifica per la vostra condizione e le vostre esigenze.

Come affrontare i disagi del viaggio se si è disabili was last edited: 20 July 2022 by Travel Blogger

About the author