Come fare turismo responsabile nelle Isole Faroe

Chiunque cerchi un nuovo territorio da esplorare, in cui inviare ospiti o sviluppare deve considerare gli atteggiamenti della comunità verso i visitatori e le loro aspettative nei confronti dei viaggi e del turismo in entrata.

Come parte dei suoi studi post-laurea, Saverio Francesco Bertolucci ha intrapreso una ricerca nelle remote isole Faroe per scoprire cosa pensano i locali dei turisti e della nostra industria.

Questa è una panoramica del “buon turismo”.[You too can write a “GT” Insight.]

“Affascinante e non per tutti” è così che descriverei l’arcipelago settentrionale delle Isole Faroe; un gruppo di aspre isole vulcaniche tra Norvegia, Scozia e Islanda, abitate da 50.000 cittadini profondamente devoti alla loro terra.

Nonostante le condizioni climatiche estreme, con 300 giorni di pioggia all’anno, le isole Faroe sono diventate recentemente di moda per gli escursionisti e altri che desiderano esplorare i paesaggi unici e la natura incontaminata dell’arcipelago.

Il turismo è ora la seconda più grande fonte di valuta estera (dopo le esportazioni di pesce), ma i flussi sempre crescenti sono visti dai locali come una minaccia ambientale e sociale.

Infatti, non tutti i turisti sono rispettosi della terra e della privacy delle Faroe. Le autorità hanno riportato innumerevoli scontri faccia a faccia tra turisti e gente del posto.

A differenza dei turisti di cui sopra, ho offerto e sono stato trattato con il massimo rispetto quando ho condotto due progetti di ricerca nelle isole Faroe tra il 2020 e il 2021.

Durante queste due avventure sono stato invitato nelle case delle Faroe nelle loro occasioni speciali e ho incontrato politici, pescatori, agricoltori e imprenditori. La mia missione era quella di comprendere meglio gli atteggiamenti verso il turismo e il suo sviluppo nelle Faroe.

Per questo GT Insight, sono lieto di condividere con voi un breve riassunto dei miei risultati, che sono stati pubblicati per intero dal Journal of Responsible Tourism Management.

Solo turisti di qualità, per favore… e nessun incrociatore

Cascata delle Isole FaroeCascata. Immagine per gentile concessione dell’autore.

Tutti i cittadini delle Faroe che ho intervistato concordano sul fatto che le Faroe sono una destinazione unica e vulnerabile alla pressione umana su larga scala.

Pur riconoscendo che il turismo è una potenziale fonte di reddito prezioso, sembravano visibilmente spaventati dal futuro del turismo nel loro paese.

Per evitare la distruzione del loro patrimonio naturale e culturale, la gente del posto voleva accogliere turisti benestanti e rispettosi che fossero disposti a impegnarsi con la gente del posto e a vivere come residenti per un periodo prolungato.

In questo contesto, il turismo di crociera non è un’opzione perché i crocieristi vanno e vengono. Camminano fugacemente attraverso le terre faroesi senza interagire con la gente del posto o spendere molto, se non nulla, denaro.

Molto accogliente per chiunque abbia un interesse genuino

Considerando che l’istinto dei locali è quello di preservare il loro territorio e proteggerlo dal turismo di massa, sono stato sorpreso dall’atteggiamento amichevole che hanno avuto nei miei confronti, un ricercatore turistico. Il loro comportamento in ogni incontro era molto simile agli atteggiamenti italiani e spagnoli.

Ogni intervistato è stato felice di parlare con me e ha mostrato impegno nell’aiutare in ogni modo possibile. La maggior parte degli intervistati non ha fissato un limite di tempo specifico per la nostra interazione, offrendomi invece caffè, biscotti o persino pasti. E mi hanno presentato altri faroesi che, a loro volta, mi hanno aiutato nella mia ricerca.

Una volta che hanno capito che stavo cercando di imparare e di aiutare la comunità, hanno apprezzato i miei sforzi.

Tórshavn, la capitale delle isole Faroe, di Aline Dassel (CC0) via Pixabay.

Ma non toglietevi di mezzo… letteralmente

Per la vostra sicurezza e per preservare i campi e i pascoli dei contadini, è un requisito fondamentale ma rigoroso per i locali e i turisti di rimanere sui sentieri.

In breve, i faroesi sono molto amichevoli, ma vogliono aprire il loro paese a un numero limitato di turisti responsabili che mostrano la loro volontà di interagire, imparare e contribuire alla buona immagine del paese.

Tenetelo a mente se venite per una vacanza o se volete fare affari nelle Faroe. Seguite i miei suggerimenti e non ve ne pentirete!

Immagine selezionata (in alto): pecora faroese di Rav_ (CC0) via Pixabay.

Saverio Francesco Bertolucci scrive: “L’allevamento delle pecore ha una lunga tradizione nelle Faroe, e la gente è molto orgogliosa di indossare i classici maglioni fatti con la loro lana. Le pecore sono il simbolo delle isole Faroe e non c’è da stupirsi che questi animali superino le persone e si possano vedere ovunque, dai centri urbani alle ripide valli rocciose. Puro divertimento durante le escursioni o la guida!”

L’autore

Saverio Francesco Bertolucci

Saverio Francesco Bertolucci ha studiato turismo internazionale e tempo libero all’Università di Bologna, Italia, e sviluppo del turismo sostenibile all’Università di Aalborg, Danimarca. Attualmente in stage per Famliday e The Fun Lab a Valencia, l’italiano quadrilingue è interessato al destination management, all’economia dell’esperienza e al servizio clienti, ed è appassionato di sostenibilità sociale, turismo remoto e co-creazione.

About the author