ESCURSIONE AL MONTE TALINIS SULL’ISOLA DI NEGROS

Il Monte Talinis è conosciuto localmente come il Corno di Negros ed è probabilmente l’escursione più difficile dell’isola. Gli escursionisti possono aspettarsi 1500 metri di salita su pendii scivolosi e rocciosi ricoperti di radici di alberi e sentieri forestali accidentati. Il modo più comune per affrontare questa sfida è passare una notte in campeggio su uno dei due laghi vicino alla cima.

ESCURSIONE AL MONTE TALINIS SULL'ISOLA DI NEGROS

ESCURSIONE SUL MONTE TALINIS

Esistono diversi percorsi, tra cui il giro o la traversata da una parte all’altra. In questo articolo condividerò con voi tutti i dettagli che dovete sapere prima di fare un’escursione sul Monte Talinis.

DETTAGLI DELL’ESCURSIONE SUL MONTE TALINIS

  • DurataL’escursione può essere fatta in un giorno, ma il modo migliore per godersela è accamparsi per la notte in uno dei due laghi vicino alla cima. Il primo giorno abbiamo impiegato otto ore per raggiungere la vetta e tornare al campo. Il giorno successivo abbiamo impiegato quattro ore per scendere al punto di partenza.
  • Inclinazione: 1.425 metri dalla diga di Valence alla vetta.
  • Distanza: 12,8 km fino alla vetta e ritorno al campo al lago Nailig, poi 6,75 km per scendere alla diga di Dauin la mattina successiva. Distanza totale: 18,55 km
  • Difficoltà: Questa escursione può essere considerata difficile per diversi motivi. In primo luogo, la pendenza è difficile. 1400 metri di dislivello in soli 12 chilometri sono piuttosto brutali e metteranno alla prova molti. L’altro fattore che la rende una grande sfida è il terreno. Mentre 1400 metri di pendenza sono gestibili su una strada asfaltata, questo sentiero nella giungla è coperto da radici di alberi, rocce e fango scivoloso. Si va avanti a rilento. L’ultimo fattore di difficoltà è rappresentato dal fatto che dovrete portare con voi l’attrezzatura da campeggio, che aggiunge ulteriore peso durante la salita del ripido sentiero.

DOVE SI TROVA IL MONTE TALINIS

Il Monte Talinis si trova nella regione meridionale di Negros, vicino alle città di Dumaguete e Dauin. Esistono diversi punti di accesso, di cui parlerò qui di seguito. Suggerisco di soggiornare a Dauin o a Dumaguete se intendete fare questa escursione. Ho soggiornato a Dauin, che è un’ottima zona per le spiagge e le immersioni e direi che è preferibile a Dumaguete City.

GUIDE DEL MONTE TALINIS

La guida è obbligatoria e ci sono tasse ambientali/permessi sia per il versante di Dauin che per quello di Valencia. Ho avuto parecchi problemi con una guida che ha fatto del suo meglio per fregarmi con tariffe gonfiate, ma ora conosco le cifre approssimative del 2022. Ho anche il contatto della mia guida, Jason, che è molto affidabile, amichevole e un buon escursionista.

Contatta la mia guida: pagina Facebook di Jason Tilos

TASSE E PERMESSI DEL MONTE TALINIS (a partire dal 2022)

  • Escursione di un giornoPHP 1500 per guida per l’intero gruppo
  • Escursione notturnaPHP 1000 al giorno
  • Permesso di Valencia50 PHP
  • Permesso Dauin100 PHP
  • Noleggio di sacchi a pelo : 150 PHP

OPZIONI DI PERCORSO

Ci sono molti modi per vivere un’avventura sul Monte Talinis e non si sa mai quale sia il migliore finché non lo si prova. Mi piace sempre attraversare o camminare da un punto all’altro piuttosto che fare un giro, in modo da percorrere sempre un nuovo sentiero. Ecco cosa ho fatto sul Monte Talinis. Di seguito illustrerò le tre opzioni principali.

  • Opzione di attraversamento: È possibile partire da Valencia sul sentiero Apolong e poi scendere sul sentiero Bediao fino a Dauin. Il sentiero Apolong è più lungo di circa quattro chilometri, ma molto panoramico, con soste alle bocche sulfuree e l’avvistamento di diverse cascate lungo il percorso. Il sentiero Bediao passa accanto al lago Yagumyum, ma non molto altro. È stato bello percorrere la via più breve durante la discesa e questa è l’opzione che consiglierei. Questa opzione richiede il pagamento di un permesso a Dauin e Valencia ed eventualmente il trasporto della guida a Valencia.
  • Sentiero Apolong di Valencia, andata e ritornoQuesta è una delle opzioni più comuni ed è piuttosto semplice. In pratica, si sale per il sentiero Apolong, poi ci si accampa per la notte prima di ridiscendere per lo stesso sentiero. Logisticamente semplice. Probabilmente è troppo lungo per farlo tutto in un giorno, a meno che non siate dei trail runner o degli escursionisti veloci.
  • Percorso Dauin Bediao e ritornoQuesta è l’opzione più breve e il percorso principale da scegliere per un’escursione di un giorno. Sebbene sia ancora molto difficile, è possibile fare un’escursione di un giorno sul sentiero del Bediao. Si tratta di circa 15 chilometri e 1400 metri di salita su un sentiero abbastanza tecnico e roccioso. Non lo suggerirei a meno che non siate molto sicuri e direi che il modo migliore per godersi il sentiero e la tranquillità dei dintorni è campeggiare per la notte, qualunque sia il percorso scelto.
  • ACQUA POTABILE SUL MONTE TALINIS

    Uso il Depuratore d’acqua Grayl Ultra Light ed è una svolta per l’escursionismo. Il depuratore d’acqua ultraleggero Grayl rimuove il 99,9999% dei virus e dei batteri patogeni. La cosa migliore è che bastano 15 secondi e una sola spremitura per purificare l’acqua da qualsiasi fonte d’acqua dolce. Non è necessario acquistare infinite bottiglie o rischiare di bere da entrambi i laghi.

    A differenza delle pastiglie per la depurazione dell’acqua, che richiedono un’attesa di 30 minuti prima di essere bevute, con le pastiglie per la depurazione dell’acqua è possibile reidratarsi immediatamente. Depuratore d’acqua Grayl Ultra Light. Abbiamo fatto il pieno di questo filtro alle cascate, nelle condutture locali e persino al lago Nailig.

    Depuratore d’acqua GrayL

    • Mai pagare l’acqua durante il viaggio
    • Risparmiare da 3 a 4 bottiglie d’acqua di plastica al giorno
    • Trasforma qualsiasi acqua in acqua potabile

    IL MIO VLOG DAL MONTE TALINIS

    LA MIA ESPERIENZA SUL SENTIERO DEL LAGO DI NAILIG

    Il nostro viaggio è iniziato a Dauin alle 5:15 del mattino, quando siamo stati prelevati in moto. Abbiamo viaggiato per 25 minuti fino all’Apolong Trailhead di Valencia. Qui abbiamo incontrato la nostra guida, Jason, e abbiamo iniziato il percorso proprio mentre il sole iniziava a splendere attraverso la fitta foresta. Il sentiero inizia in realtà al ristorante Limottakna, ma a causa del basso numero di visitatori è stato chiuso. Potrebbe essere una buona opzione per la colazione durante la stagione regolare.

    Con un’intera giornata a disposizione per raggiungere la vetta e allestire il campo, non abbiamo avuto fretta e siamo saliti a passo sostenuto per tutta la mattinata. Il sentiero ha attraversato le case locali nelle prime centinaia di metri prima di entrare nel deserto. Fin dall’inizio, il sentiero è stato un percorso fangoso e disseminato di rocce e radici che richiedeva un’attenzione particolare a ogni passo. Questa tecnicità del percorso diventerebbe faticosa per la mente e per il corpo.

    La pendenza è precoce e costante, con scale ripide e fangose che conducono alla montagna. La nostra prima tappa è stata la visita alle cascate di Lubas, che si riversano in lontananza. Questa sarebbe un’avventura per un altro giorno.

    Pensavo che avremmo fatto un’escursione calda e umida come molti altri sentieri nelle Filippine. Tuttavia, quasi tutto il sentiero di Apolong è coperto da una fitta foresta. Questo aiuta a mantenere il clima relativamente fresco per la maggior parte della giornata, anche se ci sono state alcune zone di esposizione.

    La nostra prima sosta è stata in un piccolo abbeveratoio appena fuori dal sentiero. In effetti, se la nostra guida non ce lo avesse fatto notare, avremmo potuto continuare il percorso. Ci siamo fermati qui per una nuotata e per rinfrescarci nell’acqua molto rinfrescante. Una piccola oasi in mezzo alla foresta.

    Mentre proseguivamo, abbiamo avuto una sorpresa inaspettata. Ci siamo imbattuti in Adong, che è il guardiano dell’acqua. In pratica, gestisce le tubature e il flusso dell’acqua per assicurarsi che tutto sia in ordine per reindirizzare l’acqua a Valencia. È stato la prima guida sul Monte Talinis nel 1976 ed è ancora in ottima forma. Ha una piccola casa con un orto vicino ai tubi dove rimane per quindici giorni alla volta prima di girare con un’altra guardia.

    Adong ci ha offerto caffè e spuntini prima di dirigersi dietro l’angolo per controllare la fonte del flusso d’acqua, ovvero le Twin Falls. Scoprire una cascata così incredibile è stato un valore aggiunto, visto che non mi aspettavo altro che un sentiero escursionistico e alcuni laghi.

    La nostra tappa successiva è stata nell’altopiano esposto, dove abbiamo riposato in una fattoria. La nostra guida, Jason, si è occupata di un Carabao vicino, mentre noi venivamo bombardati da quaranta galline mentre mangiavamo uno spuntino. Jason ha estratto dall’albero la guava locale per condividerla con noi, che era meravigliosa!

    Le sorprese non sono finite, quando girando l’angolo successivo abbiamo notato uno strano odore nell’aria. Un odore sgradevole si rivelò essere zolfo, che fuoriusciva da bocchette nel terreno e attraversava il fiume. È un luogo strano, dove il fiume giallo e i suoi dintorni sono privi di vita. A pochi metri di distanza, le foreste verdi prosperano in netto contrasto con la zona morta intorno alle bocche sulfuree.

    Dopo poco più di sette ore raggiungiamo il campeggio del lago Nailig, dove trascorreremo la notte. È una bella sensazione togliersi lo zaino e sapere che non ho bisogno di portarlo più in alto finché è pieno di attrezzatura da campeggio. Il lago è bellissimo, con foreste che crescono fino al bordo delle sue rive fangose, creando un’atmosfera mistica, soprattutto quando arriva la nebbia.

    Dopo aver montato la tenda e aver svuotato la maggior parte dell’attrezzatura, facciamo l’ultimo “assalto alla vetta”, come si usa dire qui nelle Filippine. Secondo la mappa, dal campeggio alla vetta ci sono solo 550 metri. Tuttavia, questa parte del sentiero è molto ripida e piuttosto tecnica. Non c’è nulla di speciale da incontrare che richieda una grande abilità, ma ci vuole solo molto tempo a causa del terreno difficile e delle radici che si intrecciano.

    Ci vogliono circa 45 minuti per raggiungere la cima dal campeggio e giuro che deve superare i 500 metri! È stata una salita impegnativa. In cima siamo gli unici escursionisti. Il punto focale della cima è un incredibile albero che si inarca sopra la cascata e domina il lago Nailig e la costa orientale di Negros.

    Nelle giornate limpide, si può godere della vista dell’isola di Apo e di Cebu. Tuttavia, è frequente che le creste vicine siano coperte da nuvole e molte persone non hanno alcuna visuale quando raggiungono la cima del Talinis. Ci consideravamo fortunati ad avere una vista così bella e libera. In cima non faceva troppo freddo, come potete vedere, ma quando ci siamo seduti è stato bello avere una giacca perché faceva un po’ freddo.

    La camminata di ritorno al campeggio è durata circa 20 minuti e mi ha fatto molto piacere vedere le tende dai colori vivaci mentre uscivamo dalla foresta per tornare al nostro campo. Abbiamo cucinato degli spaghetti e siamo andati a dormire, stanchi sarebbe un eufemismo. Avevo un sacco a pelo leggero e un piumino ultraleggero, il che è stato abbastanza piacevole perché faceva fresco. La nostra guida, Jason, ci ha detto che con il tempo più freddo qui può fare molto freddo. Non lesinate sui vestiti caldi, perché vicino alla spiaggia fa molto caldo. A quasi 2000 metri di altitudine, di notte farà sicuramente freddo.

    Ci siamo svegliati verso le 7 del mattino per vedere la nebbia che avvolgeva il lago, che era spettacolare. Abbiamo preso un caffè veloce prima di iniziare la discesa. La discesa è lenta a causa del terreno accidentato. Normalmente, sei chilometri di discesa possono richiedere 1,5 ore su un sentiero sgombro, ma questa discesa può richiedere dalle 3 alle 4 ore a causa del terreno tecnico.

    L’unico punto di interesse lungo la discesa è la sosta al lago Yagumyum, un campeggio alternativo per chi fa il giro da Dauin. A dire il vero, se si fa il viaggio di andata e ritorno da Dauin e ci si accampa al lago Yagumyum, è sufficiente poco più di un’ora per raggiungere la diga di Dauin, quindi tanto vale non accamparsi lì, a meno che non si voglia davvero fare una notte di campeggio.

    Dopo tre ore e mezza di discesa siamo arrivati al punto di partenza di Dauin, che è una strada sterrata non segnalata che devia dalla strada principale. In pratica, sarebbe impossibile raccoglierlo. Abbiamo poi preso il nostro habal-habal in moto per 25 minuti fino al nostro alloggio a Dauin per concludere l’avventura.

    Nel complesso, l’escursione sul Monte Talinis è stata un’avventura molto impegnativa e gratificante. Fortunatamente avevamo il campeggio tutto per noi e anche la vetta. Questo ha reso il viaggio nel deserto del Negros molto tranquillo. Spero che questa guida vi aiuti nell’organizzazione dell’escursione e che vi siano piaciuti i video e le foto per darvi un’idea di ciò a cui state andando incontro. Godetevi l’avventura.

    About the author