IL SETTIMANALE #264: OMEOSTASI A ISLAMABAD

Ogni volta che c’è un disagio, la mente umana cerca conforto. Abbiamo avuto settimane di jeep, trekking nella polvere, niente docce, bagni di pietra, ritardi e tempo rigido. Ne è valsa la pena per l’esperienza e le incredibili viste lungo il K2 Basecamp Trek, ma il corpo stava chiedendo almeno un giorno di non essere chiamato. Dopo tre settimane di stress il corpo cercava l’omeostasi.

Eravamo in albergo a Skardu dopo il trekking e abbiamo preso un volo di 50 minuti per tornare a Islamabad dove abbiamo potuto riposare, fare la doccia e recuperare. Tuttavia, il volo è stato cancellato e la nostra nuova opzione era un viaggio di due giorni in furgone lungo strade rocciose. L’avventura è continuata e siamo tornati indietro. Questo aneddoto non è una lamentela o un rimprovero sul viaggio, ma solo un resoconto degli alti e bassi che si incontrano accanto a grandi avventure in luoghi lontani.

Dopo due giorni di scorte militari, fermate lungo la strada, ritardi extra e alcune strade molto interessanti, siamo tornati all’hotel di Islamabad. L’aria condizionata nella hall sembrava estranea, così come l’acqua calda che usciva dal soffione della doccia. Bastano 24 ore perché le comodità della civiltà perdano il loro fascino.

Ho passato alcuni giorni a editare, scrivere e organizzare le foto e gli articoli. Tutti sono stati raggiunti. Il corpo ha avuto la possibilità di rilassarsi e di raggiungere l’omeostasi desiderata. Abbiamo raggiunto il punto critico il quarto giorno e abbiamo iniziato a guardare avanti alla prossima avventura. È affascinante vedere come si avanza velocemente sia fisicamente che mentalmente. Avendo esperienza con queste transizioni rapide, è meno probabile che siate a vostro agio e tuttavia a disagio sul terreno o sul sentiero.

Riposati, recuperati e messi in pari con il lavoro, la nostra attenzione si rivolge ora al prossimo viaggio. Faremo un viaggio di due settimane a Hunza per esplorare alcune escursioni e punti panoramici prima di tornare a Islamabad prima della nostra grande scalata allo Spantik. Ecco alcune foto di noi non in omeostasi durante il trekking.

IL SETTIMANALE #264: OMEOSTASI A ISLAMABAD

About the author