IL SETTIMANALE #266: NON C’È MAI UN MOMENTO PERFETTO

Dopo tanti anni di avventure e trekking, ci vuole un po’ per far salire l’adrenalina. Ci vuole un po’ di più per generare paura in me. La paura è sana, significa che ti stai spingendo fuori dalla temuta zona di comfort. In questo momento, la mia adrenalina sta pompando e c’è davvero un po’ di paura. Il tipo buono.

Attualmente alloggio al Mashabrum Hotel sulla strada principale di Skardu. Questo hotel è un centro di attività per scalatori, trekker e turisti che usano questo hotel come base prima e dopo le avventure nella catena montuosa del Karakoram e nelle zone circostanti.

Domani partirò in jeep per un viaggio di otto ore. Questa avventura è un po’ diversa da quelle precedenti. Farò una spedizione di tre settimane per cercare di raggiungere la cima dello Spantik Peak (7.027 m).

IL SETTIMANALE #266: NON C'È MAI UN MOMENTO PERFETTO

Tutto in questa avventura è nuovo per me. Un sacco di nuove attrezzature sono state aggiunte al kit, come scarponi da 6000m, ramponi, piccozze, corde, ecc. L’altitudine non solo sarà nuova, ma sarà più di 1000m più alta di quanto io abbia mai scalato o camminato in vita mia. Tre settimane fuori dalla rete saranno una novità. Il tempo in quota sarà nuovo. Anche il modo in cui reagisco a tutti questi cambiamenti sarà nuovo. Sono interessato, spaventato e fiducioso su come il mio corpo e la mia mente reagiranno.

Non ho mai voluto essere una persona che aspettava il momento perfetto, un grande momento, un momento decente della vita o che tutti i miei amici fossero pronti. A volte, quando un amico ti chiama e ti dice che sei pronto a scalare una montagna, non chiedi altro che quando dovresti essere lì. La vita è troppo breve per aspettare il momento perfetto. Quello che ho imparato è che il momento perfetto raramente arriva e infatti spesso deve essere imbrigliato, creato e raggiunto attraverso la tua tenacia e la volontà di tuffarti nell’ignoto. Ecco, l’ignoto chiama e io rispondo.

About the author