Imparare a rinunciare in montagna

È importante sapere come avere successo, così come è importante smettere sulla montagna. Devi essere pronto a raggiungere la vetta tanto quanto lo sei a rinunciare quando le cose non vanno come previsto. Saresti in grado di identificare quel momento in cui non hai altra scelta che tornare indietro? Vi raccontiamo la nostra esperienza.

Imparare a rinunciare in montagna

A volte, nonostante tutti i preparativi e tutte le considerazioni precedenti, la salita inizia e sorgono imprevisti e complicazioni.

È in quel momento che devi prendere la decisione giusta e imparare a rinunciare alla montagna.

Era da molto tempo che volevamo scalare quella vetta.

Per noi aveva una storia di ricordi felici che ci ha spinto a riprovare, 35 anni dopo.

Non è stato facile.

Più di 20 km di cammino e più di 2.000 metri di salita e discesa, con la cima ben oltre i 3.000 metri sul livello del mare..

Bisognava escogitare un buon piano:

  • previsioni del tempo favorevoli
  • orario di partenza
  • materiale per adattarsi all’ampia gamma di temperature prevista
  • cibo e bevande
  • comunicazioni
  • kit di primo soccorso…

Imparare a rinunciare in montagnaE poi fu il momento di fare il primo passo.

La luna, quasi piena, era già scomparsa dal cielo, ma ci sarebbe voluto ancora del tempo perché il sole superasse gli spigoli vivi delle montagne circostanti.

Grazie a questo, un cielo stellato limpido ci ha permesso di fotografarci sotto la costellazione di Orione.

Con profondi burroni nelle vicinanze, era necessario mantenere un occhio attento e dirigere bene il mirino per evitare sorprese..

Il tracciacaricato sul GPSci ha confermato che stavamo seguendo il percorso desiderato e abbiamo cominciato a vedere le luci di altre persone che, da un rifugio vicino alla cima, stavano già iniziando la loro lenta salita.

A poco a poco, le cime hanno cominciato a dipingersi di colore, con un leggero e inquietante manto biancastro sulle zone più alte.

Questo non era quello che ci si aspettava.

Godendo dei primi raggi di sole, abbiamo affrontato l’inizio della nostra salita.

Abbiamo fatto delle zeta per ammorbidire la pendenza.e, sorpresa: abbiamo dovuto evitare le zone d’ombra, perché erano congelate.

dimissioni in montagna

I rapporti precedenti hanno confermato che in questa fase della stagione non avremmo trovato neve su tutta la salita, ma a poco meno di 3.000 metri di altitudine, il ghiaccio copriva parte del terreno..

Quando abbiamo raggiunto uno dei gradini più difficili, la situazione era che, anche con l’aiuto di una catena, la gente si accalcava cercando di salire, alcuni, e di scendere altri, vedendo quanto era scivoloso il posto.

dimissioni in montagna

La parte superiore della salita verso la cima ha richiesto l’uso di ramponi..

Le tempeste che si erano abbattute sulla montagna il giorno prima avevano lasciato una coltre umida che si è congelata durante la notte, rendendo pericoloso qualsiasi tentativo senza portare l’attrezzatura giusta per la nuova situazione.

Stavamo affrontando una delle situazioni più importanti della boscaglia: decidere di fronte a un evento imprevisto.

I nostri cuori ci dicevano di approfittare del bel tempo, ma abbiamo preso la decisione più difficile. E anche la più appropriata: abbiamo deciso di tornare sui nostri passi.

Non è facile rinunciare a qualcosa che avevamo preparato con tanta cura in montagna.

La cosa più facile da fare sarebbe stata continuare, senza pensare alle conseguenze, ma abbiamo fatto la cosa giusta e ci siamo goduti una bella giornata in montagna.

La vetta sarà ancora lì ad aspettarci.

Imparare a rinunciare in montagna

Se vi state chiedendo quale montagna fosse il nostro obiettivo, vi diremo che il suo nome non ha importanza, anche se sono sicuro che ci sarà chi potrà indovinare dalle fotografie.

In questo tipo di situazione, la cosa davvero importante è prendere la decisione giusta, abbandonare la montagna e tornare a raccontarla.

Non facendolo, la montagna prende un pesante tributo ogni anno sotto forma di incidenti e vite.

Da Kepa Lizarragaspecialista in medicina dello sport e Mikel Lizarraga, Analista fisico-chimico. Entrambi i collaboratori di Forum Sport

About the author