La chiusura del casinò è costata al Michigan 100 milioni di dollari

La chiusura dei 26 casinò del Michigan è costata ai governi statali e locali quasi 100 milioni di dollari di entrate fiscali nei primi tre mesi della chiusura, secondo un nuovo studio. Mentre il Michigan si prepara a riaprire i suoi 26 casinò, una nuova analisi mostra quante entrate sono state perse negli ultimi tre mesi.

Secondo il sito web https://amazingslot.com/ la chiusura dei casinò dello stato ha lasciato un buco nel bilancio del Michigan che sarà molto difficile da riempire. Questo dimostra quanto sia difficile la strada da percorrere mentre lo stato comincia a riprendersi dalla pandemia di COVID-19.

Secondo l’analisi, dal 15 marzo, quando i casinò hanno chiuso, al 15 giugno, le chiusure hanno comportato una perdita di:

  • 44,6 milioni di entrate fiscali per la città di Detroit.
  • 44,2 milioni di entrate fiscali per lo Stato del Michigan.
  • 7,5 milioni di entrate per vari governi locali da pagamenti di condivisione delle entrate dal 2% dei casinò tribali.
  • 375 milioni di entrate per i casinò della zona di Detroit.

Insieme, sono 96,3 milioni di dollari di entrate perse per i governi statali e locali. E questo numero continuerà a crescere finché ogni casinò non avrà riaperto e recuperato.

La risposta alla pandemia è stata rapida e comprensibile, ma il pedaggio sulle entrate fiscali è stato notevole. E questo è solo un lato della questione. Le entrate degli operatori si sono completamente prosciugate, il che avrà anche ramificazioni a lungo termine, compresa la perdita di posti di lavoro.

La buona notizia è che molti casinò tribali hanno riaperto, anche se con capacità ridotta e altre limitazioni. E il governatore Gretchen Whitmer ha espresso la speranza che i casinò di Detriot possano riaprire entro il 4 luglio. Ma questo verrà anche con restrizioni che continueranno a influenzare le entrate, tra cui un limite di capacità del 15% e il divieto di fumare al casinò.

Inoltre, presto arriveranno nuove entrate. Le scommesse sportive, lanciate l’11 marzo, sono state chiuse dopo aver raccolto meno di 600.000 dollari in scommesse sportive in sei giorni. Ma con la riapertura del mondo dello sport – compreso l’NBA alla fine di luglio, che dovrebbe generare un notevole interesse – gli scommettitori sportivi genereranno entrate mai realizzate prima.

Mentre il mondo dello sport trova un modo sicuro per riaprire, le scommesse sportive saranno una parte fondamentale degli sforzi di recupero del Michigan. Dopo tre lunghi mesi, il ritorno a qualcosa che assomiglia alla normalità è benvenuto da tutti, compresi i governi statali e locali e gli stessi operatori. Se il Michigan può evitare grandi battute d’arresto, le entrate dei casinò aiuteranno solo quando l’intero stato si riprenderà.

About the author