La nuova compagnia aerea ultra-low-cost dell’India potrebbe essere una manna per Boeing

  • Boeing vede la possibilità di migliorare la sua posizione in India.
  • Un miliardario indiano annuncia un nuovo vettore ultra-low cost.
  • Una nuova società è già in viaggio,

produttore di aeromobili degli Stati Uniti Boeing può avere una possibilità di riconquistare terreno perso in India con il miliardario Rakesh Jhunjhunwala annunciando piani per lanciare una nuova compagnia aerea indiana ultra-basso costo.

La nuova compagnia aerea ultra-low-cost dell'India potrebbe essere una manna per BoeingLa nuova compagnia aerea ultra-low-cost dell’India potrebbe essere una manna per Boeing

La posizione di Boeing nel mercato indiano è stata danneggiata dal crollo di uno dei suoi maggiori clienti, Jet Airways, due anni fa.

Jhunjhunwala, conosciuto come “il Warren Buffett dell’India” per i suoi investimenti azionari di successo, prevede di collaborare con gli ex amministratori delegati di IndiGo, il più grande vettore del paese, e Jet Airways per sfruttare la domanda di viaggi aerei nazionali.

Mentre il progetto Akasa Air proposto da Jhunjhunwala arriva in un momento in cui l’industria dell’aviazione indiana è alle prese con la pandemia di COVID, che ha visto le compagnie aeree perdere miliardi di dollari, le prospettive a lungo termine del settore lo rendono un mercato caldo per i produttori di aerei Boeing e Airbus.

Una fonte dell’industria ha detto che la nuova compagnia si stava già dirigendo verso quello che potrebbe essere uno dei più grandi affari dell’anno fuori dagli Stati Uniti per acquisire 737 acquistati o in leasing.

Per Boeing, questa è una grande opportunità per fare un passo avanti e alzare il loro gioco, dato che non hanno un altro grande operatore per i loro aerei 737 in India oltre a SpiceJet.

Boeing non ha commentato i piani di Akasa, ma ha detto che era sempre alla ricerca di opportunità e discutere con i clienti esistenti e potenziali come meglio soddisfare le loro esigenze operative e di flotta.

Jhunjhunwala, che prevede di investire 35 milioni di dollari e possederebbe il 40% del vettore, spera di ottenere un certificato di non opposizione dal ministero dell’aviazione indiano nei prossimi 15 giorni, ha detto. Il team della compagnia aerea ultra-low-cost prevede di costruire una flotta di 70 aerei da 180 passeggeri entro quattro anni, ha detto.

Gli altri co-fondatori di Akasa sono Aditya Ghosh, che ha trascorso un decennio con IndiGo ed è stato accreditato con i suoi primi successi, e Vinay Dube, ex CEO di Jet che ha anche lavorato con Delta.

I cieli indiani sono dominati da vettori a basso costo (LCC) tra cui IndiGo, SpiceJet, GoFirst e AirAsia India, con la maggior parte che opera una flotta di aerei Airbus a corpo stretto.

Boeing domina il mercato indiano dei 51 aerei widebody, ma le guerre tariffarie e gli alti costi hanno preso il loro pedaggio sui vettori full-service, tra cui Kingfisher Airlines nel 2012 e Jet Airways nel 2019, rendendo le LCC e Airbus ancora più dominanti.

La quota di Boeing dei 570 aerei a fusoliera stretta dell’India è scesa al 18% dopo la scomparsa di Jet, dal 35% del 2018, secondo i dati della società di consulenza CAPA India. Jet è stata recentemente salvata dalla bancarotta e ci si aspetta che prenda in consegna l’aereo.

I vettori indiani hanno più di 900 aerei in ordine, tra cui 185 Boeing 737s e 710 Airbuses, che conta IndiGo come uno dei suoi più grandi clienti nel mondo.

About the author