Lezioni di resilienza: Binna Burra risorge dalle ceneri

Nonostante un devastante incendio nel settembre 2019 e la pandemia globale che ne è seguita, il Binna Burra Lodge in Australia è aperto. Basandosi su questa storia di recupero, Jonathon Day condivide cinque lezioni di resilienza che ogni azienda turistica può applicare.

Questo è uno sguardo al ‘buon turismo’. [You too can write a “GT” Insight.]

L’8 settembre 2019, un incendio del bush ha quasi distrutto uno degli ecolodge simbolo dell’Australia.

Il recupero di Binna Burra Lodge, nonostante le sfide aggiuntive della pandemia, fornisce importanti lezioni per la preparazione ai disastri e la resilienza.

Il bushfire che ha colpito Binna Burra Lodge faceva parte di una stagione di incendi che ha imperversato in tutta l’Australia nell’estate 2019/20.

Lezioni di resilienza: Binna Burra risorge dalle ceneriAll’indomani dell’incendio, il presidente di Binna Burra Steve Noakes (a sinistra) ha informato il primo ministro australiano Scott Morrison.

Hanno bruciato più di 17 milioni di ettari.

Dopo l’anno più secco mai registrato, la severità della stagione dei bushfire è in parte attribuita al cambiamento climatico.

I prodotti dell’ecoturismo, come Binna Burra, sono particolarmente vulnerabili al cambiamento climatico.

Gli impatti del cambiamento climatico sul nostro ambiente naturale possono essere graduali – mentre gli ecosistemi si adattano alle temperature più calde e al cambiamento delle precipitazioni – o possono essere immediati e catastrofici a causa di condizioni meteorologiche estreme.

Binna Burra Lodge si trova nel Lamington National Park nel sud del Queensland, Australia. Il Lamington National Park, uno dei parchi nazionali del Gondwana Rainforest World Heritage Area, è una foresta pluviale temperata.

L’area è riconosciuta per la sua “eccezionale biodiversità”, e l’esperienza di accesso al parco nazionale di Binna Burra Lodge è riconosciuta a livello internazionale.

Non perdere le altre pubblicazioni di “Buon Turismo” contrassegnate da
” Ecoturismo e turismo naturale “
“Hotel, resort e altri alloggi
“Gestione dei rischi e delle crisi
“La resilienza e la rinascita del turismo

Per certi aspetti, Binna Burra Lodge è in una posizione unica. Si tratta di un’impresa di ecoturismo che opera in un paese sviluppato, con infrastrutture e supporto istituzionale non disponibili per molte imprese di ecoturismo.

Avvicinamento a Binna Burra prima e dopo gli incendi di settembre 2019.

Aperto dal 1933, Binna Burra Lodge è una delle operazioni di turismo naturale più conosciute in Australia.

È stato un leader nelle operazioni di ecoturismo ed è stato certificato come un Ecotourism Australia “Advanced Ecotourism” business dal 1997.

Questa certificazione riconosce l’impegno del Binna Burra Lodge ad operare con un impatto minimo sull’ambiente e a fornire agli ospiti l’opportunità di conoscere l’ambiente. Premia un operatore che implementa le migliori pratiche, usa le risorse in modo saggio e aiuta la comunità locale.

Nonostante questi benefici, ha comunque affrontato sfide significative. Alla notizia del danno, la comunità internazionale The Guardian ha pubblicato un necrologio.

Due anni dopo – e nonostante la pandemia globale – Binna Burra Lodge accoglieva di nuovo gli ospiti.

Ci sono lezioni da imparare dall’esperienza di Binna Burra negli ultimi anni che possono essere applicate a qualsiasi attività turistica. Eccone cinque:

1. Essere preparati: avere un piano e seguirlo

Binna Burra non solo aveva un piano per affrontare il disastro, ma si stava anche preparando ad attuarlo. Nelle settimane precedenti l’incendio, il personale si è esercitato nelle esercitazioni. Con l’avvicinarsi dell’incendio, il personale e la direzione hanno seguito il piano e hanno avuto ruoli e responsabilità chiare.

2. Costruisci il tuo capitale sociale

Si dice che il primo e migliore passo che la maggior parte delle persone può fare per costruire la resilienza è incontrare i propri vicini. Il recupero di Binna Burra mostra l’importanza di costruire capitale sociale a lungo termine.

Avevano una profonda riserva di benevolenza da parte dei visitatori e di altri amici di Binna Burra.

L’hashtag #BringBackBinnaBurra ha dimostrato i profondi legami sentiti per la proprietà, e un fondo di recupero finanziato dal crowdfunding ha fornito risorse significative.

Vedi anche ‘GT’ Insight di Steve Noakes
“Dalle ceneri: il ruolo della solidarietà nella rinascita del turismo di Binna Burra”

Il sostegno di Binna Burra Lodge si è esteso oltre gli ospiti precedenti ai suoi profondi legami con la comunità locale. Lo staff è stato coinvolto nella ricostruzione della comunità anche mentre lavorava al recupero di Binna Burra.

La direzione di Binna Burra Lodge ha anche mantenuto stretti rapporti con tutti i livelli dell’industria del turismo – locale, statale, nazionale e internazionale – avendo fornito competenze e leadership alle associazioni del settore.

Nei difficili giorni successivi all’incendio, questa riserva di capitale sociale si è tradotta in risorse e offerte di sostegno che si sono rivelate essenziali per il processo di recupero.

Steve Noakes è diventato il principale comunicatore di Binna Burra.

3. Comunicare, comunicare, comunicare

Steve Noakes, presidente di Binna Burra Lodge, ha assunto il ruolo di capo comunicatore durante l’incendio e il recupero.

Nonostante abbia affrontato una serie di problemi operativi durante questo periodo, Steve ha dato la priorità all’informazione delle parti interessate sui problemi dell’ecolodge.

Vedi anche ‘GT’ Insight di Gabby Walters
“Come i viaggiatori reagiscono alle crisi e come minimizzare le cancellazioni”

Mentre i disastri scompaiono dai titoli dei giornali, è facile per le parti interessate – amici, ex visitatori, sostenitori dell’industria – perdere di vista le sfide delle persone colpite da un disastro.

La comunicazione con questi stakeholder li ha tenuti collegati all’azienda mentre affrontavano le sfide nei mesi successivi all’incendio.

4. Concentrarsi sul futuro: resettare, reinventare, ricreare

Binna Burra ha affrontato sfide significative dopo l’incendio: gestire il flusso di cassa quando le prenotazioni sono state cancellate e i rimborsi sono arrivati, ricostruire il team che è stato licenziato in seguito all’incendio e ricreare il lodge stesso. Tutto durante la pandemia.

Tuttavia, la squadra di Binna Burra è rimasta concentrata sulla ricostruzione per il meglio.

Binna Burra Lodge opera con una missione chiaramente articolata:

Essere un legame significativo tra la natura e il patrimonio, fornendo una porta d’ingresso al Parco Nazionale di Lamington, offrendo una gamma di alloggi, attività ed esperienze rispettose dell’ambiente, e mantenendo e migliorando il patrimonio di terreni ed edifici di cui sono custodi.

Vedi anche “GT” Insight di Sonia Beckwith
“Cosa tenere, cambiare, fare in una crisi

La risposta di Binna Burra Lodge all’incendio è stata quella di valutare come raggiungere al meglio questi obiettivi di fronte alla nuova realtà.

Nonostante le sfide, l’incendio ha creato delle opportunità per reinventare l’esperienza del Binna Burra Lodge. Anche se la perdita degli edifici storici è stata dolorosa, la direzione ha adottato una filosofia di ricostruzione per il meglio.

5. Rivalutare i rischi

I rischi cambiano nel tempo e la saggezza convenzionale potrebbe dover cambiare.

L’idea che la foresta pluviale subtropicale che circonda Binna Burra fosse minacciata dagli incendi sembrava improbabile. Finché non lo fu più.

Come azienda certificata di ecoturismo avanzato, la valutazione dei rischi è una parte importante del processo di gestione del Binna Burra Lodge. Anche così, i possibili impatti del cambiamento ambientale sembravano remoti.

Gli eventi del 2019 hanno evidenziato gli impatti del cambiamento climatico.

Come afferma Steve Noakes nei documenti di pianificazione strategica di Binna Burra per il 2020, “La nostra responsabilità ora è di avere una visione basata sulla conoscenza e la comprensione del clima, come avrà un impatto sulla foresta tropicale e sub-tropicale.

Binna Burra Tea House and Campground è stato nuovamente aperto ai visitatori un anno dopo gli incendi del settembre 2019.

Ora, più di due anni dopo l’incendio, Binna Burra Lodge è di nuovo aperto e accoglie gli ospiti per esperienze di ecoturismo di classe mondiale.

Il recupero è un lungo viaggio, ma Binna Burra Lodge ha fatto con successo i primi passi e ha tracciato la rotta per un futuro entusiasmante.

Per ulteriori informazioni

Diversi rapporti e capitoli di libri esaminano il recupero di Binna Burra Lodge.

Il Griffith Institute for Tourism ha pubblicato un caso di studio definitivo.

Due capitoli – uno che esamina Binna Burra Lodge nel contesto del cambiamento climatico, e l’altro che si concentra sui loro approcci al turismo rigenerativo e all’economia circolare – possono essere trovati nel recentemente pubblicato Routledge Handbook of Ecotourism.

Immagine selezionata (inizio dell’articolo) : Il parco nazionale di Lamington è facilmente accessibile da BInna Burra Mountain Lodge, Queensland, Australia.

L’autore

Il giorno del dottor Jonathon

Jonathon Day è un professore associato in Università di PurduePurdue University’s School of Hospitality and Tourism Management, Indiana, USA.

Oltre ad aver scritto più di 50 articoli e capitoli accademici, il Dr. Day è l’autore di An Introduction to Sustainable Tourism and Responsible Travel e co-autore di The Tourism System 8th Edition. Jonathon è anche il ricercatore principale del Sustainable Tourism and Responsible Travel Lab e presidente della Travel Care Code Initiative.

About the author