Padroni della complessità e del cambiamento: cosa vogliono i viaggi e il turismo dall’accademia

Questa è una panoramica del “buon turismo”. [You too can write a “GT” Insight.]

Ci sono probabilmente pochi lettori di “GT” che potrebbero obiettare all’idea che il turismo è una delle, se non la più dinamica ed eccitante industria del mondo.

È vasto. È vario. È in continuo movimento. È complesso.

È questa complessità, tuttavia, che è sia la bellezza che la rovina di un’industria che è all’apice di una rivoluzione; nel bene e nel male.

È bello nella sua complessità in quanto porta dinamismo. È pieno di opportunità ad ogni angolo. È coinvolgente ed emozionante. È difficile annoiarsi.

C’è un lancio di carriera migliore?

Tuttavia, come ogni cosa nella vita, c’è un rovescio della medaglia.

La complessità dei viaggi e del turismo, per quanto sia eccitante, è anche travolgente.

E, come vuole la natura umana, la nostra tendenza è quella di cercare il controllo.

Questo controllo è evidente nelle istituzioni educative dove le complesse sfide e opportunità del turismo sono filtrate fino ai loro aspetti tecnici, compartimentate per una “migliore” comprensione e divise in specializzazioni cariche di parole d’ordine (leggi curricula).

È una mentalità che l’economia mondiale, l’ambiente e la situazione sociale sono stati superati da tempo.

Questa panoramica “GT” non deve essere intesa come una critica generica delle pratiche educative nella vasta gamma di programmi che servono l’industria dei viaggi e del turismo.

Piuttosto, è una riflessione personale su come pensiamo e affrontiamo le pratiche educative per un settore innegabilmente vario e dinamico.

Lo scopo di questo pezzo è semplice. Cerca di provocare un dibattito costruttivo e una riflessione critica su quella che è e dovrebbe essere la responsabilità degli educatori.

Scrivendo questo dal punto di vista di un ardente insegnante e allenatore, la mia ferma convinzione è che il futuro che vogliamo per il nostro settore può essere basato solo su una corretta educazione.

Dopo tutto, è l’educazione, in tutte le sue forme, la fonte di ogni innovazione.

Di cosa hanno bisogno gli studenti e l’industria dei viaggi e del turismo?

Pertanto, le domande che dobbiamo porci in questi tempi eccezionalmente difficili sono:

  • Di quali conoscenze, abilità e competenze hanno bisogno le nostre generazioni future per avere la possibilità di prosperare?
  • Che tipo di educazione offrirà loro questo?

Per cominciare, guardiamo il rapporto Future of Jobs 2020 del World Economic Forum.

I primi cinque gruppi di competenze identificati dai datori di lavoro come sempre più importanti sono:

  • Pensiero critico e analisi
  • Risoluzione dei problemi
  • Autogestione
  • Lavorare con le persone
  • Uso e sviluppo della tecnologia
  • Quello che vediamo è una chiara predominanza di competenze che sono di natura trasversale.

    Per esempio, la capacità di analizzare e riflettere criticamente sulle informazioni implica intrinsecamente avere le conoscenze e le abilità per lavorare con e implementare gli aspetti fondamentali della gestione necessari per agire sui risultati dell’analisi riflessiva.

    Allo stesso modo, il problem solving presuppone intrinsecamente una conoscenza approfondita del problema da risolvere, così come le competenze fondamentali necessarie per attuare le soluzioni individuate.

    Vedi anche “GT” Insight di Andrew Chan
    “Analisi dei dati, acume finanziario chiave per una carriera di successo nel turismo”

    Ciò che vediamo in primo luogo nella lista di cui sopra è che abbiamo bisogno di perseguire modalità di educazione e pratiche di insegnamento che rafforzino il pensiero e la riflessione oltre i confini dei paradigmi di gestione tradizionali.

    Quindi qual è il punto qui?

    Beh, è semplice. Il ruolo dell’educazione è duplice:

  • In primo luogo, e ovviamente, i professionisti dei viaggi e del turismo devono acquisire le conoscenze fondamentali necessarie per implementare i risultati dell’analisi e le opzioni di risoluzione dei problemi nella loro attività operativa.
  • In secondo luogo, e soprattutto, devono essere dotati della competenza per valutare la complessità dei molteplici livelli (locale, regionale, internazionale, ecc.) e sfere (sociale, economica, culturale, ambientale) che esistono nel sistema turistico. Senza questo, le “soluzioni” teoriche rimarranno staccate dalla realtà complessa.
  • La conoscenza è potere solo se e quando viene messa in azione; azione che è specifica del contesto e chiara nel suo scopo.

    In altre parole, la conoscenza da sola è solo un potere potenziale.

    Ripristinare il potere della conoscenza

    Se vogliamo ripristinare il vasto potere della conoscenza, dobbiamo colmare il divario tra la capacità di acquisire conoscenza e le abilità di organizzare e applicare la conoscenza a scopi specifici.

    Sfortunatamente, secondo l’umile opinione di questo autore, la stragrande maggioranza delle offerte di educazione al turismo non riesce a fare questo.

    Come educatore appassionato, pongo a me stesso e ai miei colleghi queste domande:

    • Dove andranno i nostri laureati?
    • Che tipo di manager saranno?
    • Quale contributo daranno al futuro emergente della nostra industria?

    Il mio punto di vista è che l’educazione riguarda lo sviluppo di prospettive individuali su questioni difficili; la creazione di spazi di conoscenza che abbracciano la diversità e incoraggiano il dibattito aperto; e l’instillare il comfort con opinioni diverse e la certezza dell’incertezza.

    Fondamentalmente, direi che l’educazione riguarda la portata.

    Vedi anche “GT” Insight di Ivana Damnjanović
    “Viaggi, storie, educazione: le chiavi della felicità?

    La portata si riferisce alla creazione di ambienti educativi che permettono agli studenti di vedere il proverbiale quadro generale e sono in grado di imparare da altre discipline, valutare attivamente le diverse prospettive e considerare che ci sono molti modi per risolvere qualsiasi problema.

    In sostanza, per un’industria come la nostra, l’accademia e gli educatori falliranno se prestiamo più attenzione a promuovere le nostre soluzioni teoriche preferite senza prima garantire una comprensione approfondita dei problemi in continua evoluzione.

    In linea con questo argomento, sostengo che i curricula sul turismo (management) dovrebbero estendersi oltre la loro zona di comfort per adottare un approccio multidisciplinare e olistico per comprendere le minacce e le opportunità economiche, ambientali, sociali e fisiche che il turismo porta allo spazio e al luogo.

    A quelli che lo stanno già facendo, marchetta! [Well done!]

    Per garantire che i viaggi e il turismo prosperino, dobbiamo instillare nelle nostre generazioni future la capacità di dominare la complessità e il cambiamento.

    “Per garantire che i viaggi e il turismo prosperino, dobbiamo instillare nelle nostre generazioni future la capacità di dominare la complessità e il cambiamento”.

    In questo caso, la capacità non si riferisce alla conoscenza specializzata, ma alla capacità di pensare in modo riflessivo e immaginare soluzioni per risultati che non hanno un modello esistente.

    Forse la capacità fondamentale è l’immaginazione; non un fantastico sogno utopico ad occhi aperti, naturalmente, ma piuttosto un’immaginazione che può combinare dati empirici e conoscenze acquisite con nuove idee e prospettive diverse per innovare soluzioni fattibili e corsi d’azione organizzati in un ambiente in costante cambiamento.

    Se non affrontiamo la mancanza di immaginazione e di problem solving creativo nell’educazione ai viaggi e al turismo, corriamo il rischio di un fallimento totale.

    Personalmente, lo vedo come il mio dovere fondamentale verso l’industria. Mi piace assicurare un equilibrio ben definito tra la formazione dei miei studenti per acquisire competenze fondamentali, e allo stesso tempo permettere loro di diventare i professionisti di cui abbiamo bisogno e che possono lavorare in modo proattivo in un ambiente complesso e mutevole.

    In un’epoca di quasi innumerevoli nuove forme di apprendimento accessibile e di acquisizione della conoscenza, l’accademia ha bisogno di pensare oltre i concetti obsoleti di educazione “formale” e di rubriche rigide.

    Come educatori, dobbiamo fare un passo avanti per essere più dinamici e criticamente riflessivi nei nostri approcci, strategie di insegnamento e risultati attesi.

    Siamo onesti: un’educazione scollegata dalla realtà ha poco valore.

    Immagine selezionata (inizio dell’articolo) : Padroneggiare la complessità e il cambiamento: ciò che i viaggi e il turismo vogliono dall’accademia. Immagine di sfondo di geralt (CC0) via Pixabay. Tavola di malta di Clker (CC0) via Pixabay.

    L’autore

    Dr Lauren UğurDr Lauren Uğur

    Lauren Uğur è professore di gestione internazionale del turismo al Università di Scienze Applicate di Heilbronn in Germania e cofondatore di Conosci il tuo turistaun’agenzia di innovazione e design. Autodefinitasi “educatrice appassionata, consulente e coach” e “amante di tutto ciò che riguarda i viaggi e il turismo”, Lauren è specializzata nell’innovazione nella formazione turistica, nella gestione delle destinazioni e nello sviluppo del business.

    About the author