Persuasione, packaging o percorso: cosa funziona come strategia di dispersione dei visitatori?

Come dimostrano i primi “GT” di Insight Bites, esistono diversi modi di pensare e cercare di ottenere la “dispersione dei visitatori”.

In questa panoramica sul “buon turismo”, David Ward-Perkins fornisce una breve storia della dispersione dei visitatori, riassume tre comuni strategie di dispersione e seleziona quella che ritiene più efficace.

Negli anni ’80 e ’90, quando gli enti del turismo di tutto il mondo hanno iniziato a raccogliere statistiche e a misurare l’impatto economico del turismo – all’epoca pochi si preoccupavano dell’impatto ambientale – hanno notato quanto il turismo fosse distribuito in modo disomogeneo nei loro Paesi e nelle loro regioni. Hanno registrato un alto numero di visitatori sulle coste, intorno a famosi siti naturali e culturali e nei centri storici delle città; molto meno visitatori altrove.

La parola “dispersione” ha iniziato a comparire nei loro documenti strategici. Le organizzazioni di destination marketing potrebbero attirare alcuni di questi turisti dai siti affollati verso altre aree, dove potrebbero fare più bene? La dispersione potrebbe aiutare a sviluppare servizi e posti di lavoro tanto necessari in queste destinazioni “secondarie”?

La dispersione non era solo un problema geografico, ma anche stagionale: distribuire il carico nell’arco dell’anno e alleggerire la pressione durante l’alta stagione.

Immagine selezionata (inizio articolo): Persuasione, packaging o percorso: cosa funziona come strategia di dispersione dei visitatori? Foto di Christian Langballe (CC0) via Unsplash.

L’autore

Persuasione, packaging o percorso: cosa funziona come strategia di dispersione dei visitatori?David Ward-Perkins

David Ward-Perkins è redattore senior di contenuti per Casi di turismo CABI – Good Tourism Partner – e autore, tra le altre pubblicazioni, di Tourism Routes and Trails (CABI, 2020). Senior Associate di TEAM Tourism Consulting, Ward-Perkins è anche professore part-time di Marketing e Turismo presso la Skema Business School in Francia, dove risiede. David è consulente specializzato della Città europea della cultura e dello sviluppo sostenibile.

About the author