Qual è lo scopo della decrescita dei viaggi e del turismo? Relazioni che contano

La “decrescita del turismo” è vista con sospetto da alcuni come un complotto per demolire il capitalismo e ridurre drasticamente i viaggi.

Secondo Tazim Jamal, invece, la decrescita turistica è molto più legata alla guarigione e alla cura delle relazioni con le persone e con il nostro pianeta. E crede che dovremmo trascendere le etichette e le divisioni.

Questa è una panoramica del “buon turismo”. [You too can write a “GT” Insight.]

Tra il 2009 e il 2019, la crescita reale degli introiti del turismo internazionale (54%) ha superato la crescita del PIL globale (44%). Gli arrivi turistici internazionali sono aumentati del 4%, raggiungendo circa 1,5 miliardi nel 2019. Il turismo è stato uno dei settori economici più grandi e in più rapida crescita fino a quando la pandemia COVID-19 ha bloccato la mobilità nel marzo 2020.

È in corso una forte ripresa. Il turismo internazionale è aumentato del 182% rispetto all’anno precedente nel periodo gennaio-marzo 2022, con destinazioni in tutto il mondo che hanno accolto circa 117 milioni di arrivi internazionali, rispetto ai 41 milioni del primo trimestre 2021.

La devastante pandemia ci ha permesso di riflettere sulla libertà e sul diritto di viaggiare, ma anche sui costi sociali ed ecologici del turismo di massa reso possibile dall’innovazione tecnologica e dalla globalizzazione.

L’attenzione esclusiva alla crescita economica, al profitto e al consumo per alimentare i grandi mercati dei capitali globalizzati ha portato a danni ecologici senza precedenti, allo sfruttamento insostenibile delle risorse e al cambiamento climatico.

Molte destinazioni stanno cercando di evitare i vecchi errori e si stanno impegnando con determinazione e positività per favorire il buon turismo, la giustizia riparativa e la guarigione.

Qual è lo scopo della decrescita dei viaggi e del turismo?  Relazioni che contanoIl turismo dell’osservazione delle balene è cresciuto anche a livello globale, attirando oltre 13 milioni di turisti all’anno. Cosa può fare per la sopravvivenza e il benessere dei magnifici cetacei? Immagine: Tazim Jamal

Prendiamo ad esempio Amsterdam, dove gli 11 milioni di visitatori del 2005 sono passati a quasi 18 milioni nel 2016, con 23 milioni di turisti previsti entro il 2030 (Van der Zee, 2017).

La perdita dell’identità del quartiere e della coesione sociale, così come il degrado fisico e ambientale, sono solo alcune delle avversità dell’overtourism che i residenti di Amsterdam e di altre destinazioni popolari hanno sperimentato. I residenti sono alla ricerca di un turismo più responsabile, mentre usciamo da questa pandemia.

Molti sostengono che la “decrescita” sia un obiettivo importante.

La decrescita è un’etichetta che indica l’inversione della crescita, ma cosa significa veramente? La decrescita a quale scopo? Cosa conta davvero?

Immagine selezionata (inizio articolo): La decrescita riguarda le relazioni che contano. Immagine (scattata in Myanmar) di Sasin Tipchai (CC0) via Pixabay.

L’autore

Tazim Jamal è professore presso il Dipartimento di Ricreazione, Parchi e Turismo dell’Università di Roma. Università Texas A&MTexas, USA. Le principali aree di ricerca del dottor Jamal sono il turismo sostenibile, la pianificazione turistica collaborativa e la gestione del patrimonio culturale. È autrice di Justice and Ethics in Tourism (Routledge, 2019), co-editore di Justice and Tourism: Principles and Approaches for Local and Global Sustainability and Well-being (Routledge, 2021), co-editore di The SAGE Handbook of Tourism Studies (2009) e redattore associato della Springer Encyclopedia of Tourism, seconda edizione. Tazim è anche membro dell’Accademia Internazionale per lo Studio del Turismo (l'”Accademia”).

About the author