Rivitalizzare: rafforzare l’ospitalità ispirata – Il Blog del Buon Turismo

Secondo K Michael Haywood, l’ospitalità deve essere venerata e rivitalizzata se si vuole che i viaggi e il turismo diventino una forza costruttiva e trasformativa per il bene.

Questa è una panoramica del “buon turismo”. [You too can write a “GT” Insight.]

L’ospitalità dimostra un potere trasformativo quando le persone si abbracciano e contribuiscono al benessere generale delle comunità, dei cittadini e degli ospiti.

Fornendo un senso di affiliazione che crea fiducia e senso di importanza, l’ospitalità è la pietra angolare della fedeltà dei clienti. Determina la sopravvivenza a lungo termine di tutte le comunità di destinazione.

Oggi, tuttavia, le destinazioni si trovano ad affrontare sfide crescenti nella loro ricerca di rivitalizzazione, in quanto, dopo la pandemia, lottano per invertire la tendenza raggiungendo una crescita sana e aggirando le inevitabili carenze dei sistemi di ospitalità e i fattori di stress nascosti del lavoro emotivo che sono stati lasciati incancrenire.

Come contributo alla soluzione di questi problemi e di quelli correlati, Destinations International sta organizzando una campagna per il valore condiviso della comunità. Dal punto di vista strategico, tuttavia, il valore condiviso deve andare ben oltre la convinzione che “… i nostri residenti sono i nostri clienti finali”.

Le comunità come destinazioni devono tenere conto degli interessi di intere comunità, dei loro cittadini e dei loro clienti, che vogliono e meritano tutti di essere trattati con rispetto. È chiaro che tutti devono condividere i benefici del turismo, ma c’è ancora molto da fare per chiarire quali risultati sono desiderabili e importanti per i singoli stakeholder.

Fortunatamente, rivendicando il nostro potere personale, il pensiero e l’azione indipendenti, possiamo incoraggiare le nostre singole comunità e organizzazioni a dare corpo alla retorica e a determinare il modo migliore per onorare e realizzare il valore condiviso della comunità; un valore che ha le sue radici nell’idea che l’ospitalità sia il principio fondamentale e l’ingrediente vitale.

Per fare questo, dobbiamo lavorare a più stretto contatto con tutte le nostre imprese turistiche, le DMO, i singoli quartieri e i cluster turistici per formare coalizioni ad alto impatto; coalizioni che, come sta dimostrando l’Europa, stanno aiutando la DMOcrazia a rivitalizzare le loro comunità e a fungere da garanti di un’ospitalità di principio.

L’ospitalità è il servizio agli altri, non solo la fornitura di servizi agli altri. Un servizio che scaturisce da approcci responsabili e reattivi alla pianificazione e alla definizione delle politiche che servono a cambiare e migliorare il gioco.

Cosa si intende per “vitale”?

Per la maggior parte, i viaggiatori sono estremamente selettivi. Che siano in viaggio per piacere o per affari, preferiscono visitare solo le comunità che li interessano, che rispondono alle loro esigenze e che si fanno in quattro per accoglierli. L’autenticità dell’ospitalità offerta, tuttavia, dipende interamente dalla volontà e dal desiderio delle persone, degli imprenditori e delle aziende locali di impegnarsi con chi viene da lontano in modo significativo e piacevole.

Nella sua forma più elementare, l’ospitalità è un mezzo essenziale per raggiungere questo obiettivo. Ma non può essere un cinico esercizio su “come farsi degli amici e influenzare le persone”. Al contrario, la vera ospitalità deve risvegliare i sensi e offrire esperienze che sollevino lo spirito e tocchino il cuore.

Al meglio, l’ospitalità è una complessa incarnazione dei piaceri della vita: il desiderio di riunirsi in luoghi amichevoli, sicuri e confortevoli. Il desiderio di sperimentare la compagnia e il vero affetto. Il desiderio di fornire cibo, riparo, comfort e servizi firmati. Con l’impegno alla generosità e alla benevolenza, alla gentilezza e alla grazia, l’ospitalità mira a una vita riccamente elaborata; un nutrimento di essere, bellezza, moderazione, gioia e affetto.

Immagine selezionata (inizio articolo): Rivitalizzare: rafforzare l’ospitalità ispirata. Bevanda rinfrescante da Photo Mix (CC0) via Pixabay.

L’autore

Michael HaywoodMichael Haywood

Michael Haywood è Professore Emerito della Scuola di Ospitalità, Gastronomia e Turismo presso la Università di Guelph in Ontario, Canada. Il professor Haywood ha recentemente scritto l’e-book “Astonish, Smarter Tourism”. Trovate Michel su LinkedIn.

About the author