Sfruttare il potenziale, preservare il valore: le sfide del turismo del patrimonio culturale in Ruanda

Quali sono le sfide che devono affrontare coloro che vorrebbero sfruttare l’eredità culturale del Ruanda per il turismo e lo sviluppo, preservando allo stesso tempo l’identità della comunità ora e in futuro?

Il tour operator Greg Bakunzi condivide i suoi pensieri in una panoramica sul “buon turismo”.

Le comunità ruandesi sono diventate sempre più desiderose di trovare modi per attirare i turisti e catturare i dollari che portano.

Mentre l’industria del turismo era in piena espansione (pre-COVID), la mia organizzazione, il Red Rocks Intercultural Centre, ha avviato progetti turistici che speriamo aiutino le comunità a sfruttare il potenziale del patrimonio culturale del Ruanda, preservandone il pieno valore.

Tra le nostre molte aree di interesse per lo sviluppo sostenibile – ambiente, agricoltura, educazione, sviluppo delle competenze e altre – stiamo aiutando a dare alle comunità gli strumenti per metterle sulla mappa come leader nel turismo del patrimonio culturale.

Controlla anche le esperienze di viaggio GT in Africa

Siamo stati ispirati a includere il turismo culturale nei nostri programmi perché sappiamo che crea posti di lavoro e nuove opportunità commerciali e rafforza l’economia locale. È importante che questi programmi aiutino anche a proteggere il patrimonio culturale e a migliorare la qualità della vita dei residenti e le esperienze dei visitatori.

Collegare il turismo al patrimonio e alla cultura giova all’economia locale. Crediamo che il turismo del patrimonio culturale non sia solo qualcosa da preservare per le generazioni future, ma sia in realtà una risorsa che può essere sfruttata per portare reali benefici economici.

Mentre integriamo il patrimonio culturale nei nostri programmi, alcune delle sfide che affrontiamo includono:

Associazione Mondiale del Turismo per la Cultura e il Patrimonio

  • Scarsi meccanismi di pianificazione;
  • Controlli di sviluppo inadeguati;
  • Mancanza di limiti definiti alla trasformazione dei siti storici;
  • Poca partecipazione del pubblico;
  • Politiche di conservazione improduttive;
  • Mancanza di fondi; e
  • L’influenza delle culture e delle abitudini occidentali, tra cui il cristianesimo, il commercio, la civiltà, il cambiamento, lo sviluppo, il saccheggio, gli antiquari, tra gli altri.

Per superare le sfide, ci stiamo gradualmente allontanando da un semplice inventario delle risorse del patrimonio per sviluppare un approccio integrato e interdipendente alla gestione del patrimonio.

Vogliamo che il patrimonio culturale sia parte dell’identità urbana ora e in futuro. Crediamo che abbia senso integrare le questioni di conservazione del patrimonio nel processo generale di sviluppo urbano, così come collegarle ad altre questioni come lo sviluppo economico (compreso il turismo), la rivitalizzazione e la governance locale.

In risposta alle pressioni per il futuro, incluso il naturale desiderio delle persone di svilupparsi e modernizzarsi, è vitale non solo proteggere le risorse del turismo culturale, ma anche promuovere uno sviluppo della comunità culturalmente sensibile.

A Red Rocks, abbiamo creato programmi di sensibilizzazione per facilitare l’accesso al patrimonio culturale e al capitale sociale nei festival popolari.

Celebrare Umuganura. Immagine fornita dall’autore.

La creazione di Umuganura (celebrazioni del raccolto), per esempio, non solo ha contribuito alla rinascita dell’orgoglio nazionale nelle pratiche agricole sostenibili, ma ora serve anche a presentare soluzioni “locali” per uno sviluppo socio-culturale sostenibile. Questi possono essere adottati e adattati alle circostanze locali.

Queste iniziative devono ancora essere sviluppate per beneficiare un pubblico molto più ampio, ma hanno già dato contributi significativi all’integrazione regionale, allo sviluppo sostenibile e persino alla promozione della pace attraverso, per esempio, la produzione e la diffusione di spettacoli culturali e artistici.

Con le parti interessate che apprezzano sia il ruolo sociale che quello economico del patrimonio culturale, stiamo esplorando le possibilità di modelli di gestione del patrimonio più etici e impegnati che possono anche contribuire ai programmi di sviluppo.

In collaborazione con il nostro partner, la Rwanda Heritage Academy, cerchiamo di colmare questo divario attraverso un miglioramento tecnocratico, migliorando la comprensione della “proprietà” da parte dei nostri leader comunitari e attingendo ai discorsi a livello statale sull’autosufficienza e le soluzioni locali.

Controlla anche le esperienze di viaggio ‘GT’ della cultura

Anche il patrimonio culturale tangibile o costruito è importante.

La cura dei nostri siti di memoria storica in Ruanda rivela il grado di civiltà e di moralità del nostro paese.

Preservare e proteggere i nostri siti del patrimonio culturale in tutto il paese è nell’interesse dello Stato e delle comunità che vivono nelle vicinanze.

I ricordi che circondano questi siti del patrimonio sono di fondamentale importanza per una memoria culturale che dà ai ruandesi un senso di appartenenza e aiuta a ripristinare la normalità e il progresso.

Il patrimonio culturale tangibile è una necessità simbolica che dà significato alle nostre vite collegando il passato al presente e al futuro.

Crediamo che il potere di cambiare le cose in meglio venga da dentro.

Così tocca a noi di Red Rocks, insieme ai nostri partner, offrire la nostra protezione ai siti, agli oggetti e alle pratiche del patrimonio culturale in tutto il nostro paese.

Immagine selezionata (inizio del post): Immagine di lynnx10 (CC0) via Pixabay.

L’autore

Greg Bakunzi

Greg Bakunzi ha lavorato come tour operator e guida in Ruanda per vari tour operator internazionali per molti anni prima di iniziare Visite ad Amahoro nel 2002. Nel 2013, il signor Bakunzi ha fondato il Rocce Rosse Ruanda un’azienda di ecoturismo e un’impresa sociale per “integrare le comunità sottoutilizzate nella catena dell’offerta turistica e sostenere progetti di sviluppo comunitario che aiutino le persone ad aiutare se stesse”. Greg ha continuato a fondare l’associazione senza scopo di lucro Iniziativa Red Rocks per lo sviluppo sostenibile come casa per tutte le attività non commerciali avviate da Red Rocks Rwanda, e per “integrare turismo, conservazione e sviluppo sostenibile della comunità”.

About the author