Un vino dinamico con una storia interessante

Vini del Languedoc Roussillon

Oggi i vini della Linguadoca sono considerati tra i più interessanti e dinamici del mondo e si distinguono per la loro finezza e complessità. La regione produce una grande quantità di vino, superiore alla produzione di Bordeaux, dell’Australia, del Sudafrica e del Cile messi insieme, e rappresenta circa un terzo del volume di produzione francese, che equivale a circa tre miliardi di bottiglie di vino all’anno provenienti da 300.000 ettari di vigneti coltivati. I maggiori consumatori di questi vini (2019) sono Germania (16%), Stati Uniti (13%), Paesi Bassi (11%), Regno Unito (10%), Belgio (10%) e Cina (8%). 30 denominazioni e cru, tra cui vini bianchi, rossi, rosati, spumanti e dolci. Il settore impiega circa 165.000 persone ed è il principale datore di lavoro della regione, prima del turismo e dell’industria aeronautica.

La fusione genera un nuovo nome

Nel 2014 le regioni francesi sono state riorganizzate e le ex regioni Midi-Pyrénées e Languedoc-Roussillon si sono fuse per creare la regione Occitanie. In seguito alla fusione, l’Occitania è diventata il più grande vigneto singolo francese in tutto il mondo, comprendendo 263.000 ettari di vigneti e producendo il 33% dei vini francesi. Comprende 24.000 aziende vinicole e 380 cooperative, con il 36% dei viticoltori che si dedicano all’agricoltura biologica.

La Linguadoca rappresenta circa il 90% del territorio; il Roussillon occupa il restante 10%. Insieme, rappresentano la più grande regione vinicola e viticola della Francia e più di un vino francese su tre viene prodotto qui.

È il luogo di nascita dei vini spumanti, anche se il merito è dello Champagne.

I vigneti dell’Occitania hanno 87 denominazioni AOP (Appellation d’Origine Contrôlée) e 36 IGP (Indications Géographiques Protégées) e i viticoltori possono decidere autonomamente se produrre vini AOP o IGP.

Il primo a brillare

Nel 1531, nell’Abbazia di Saint Hilaire (Limoux), i monaci notarono che il vino che stavano producendo cominciava a fare le bolle in bottiglia e il resto è storia. È probabile che Dom Pérignon abbia visitato l’abbazia prima di risiedere in Champagne e abbia “preso in prestito” l’idea di produrre vino spumante, avviando il processo in Champagne. Le tre denominazioni spumanti della regione comprendono Crémant de Limoux, Blanquette de Limoux e Limoux Méthode ancestrale. È noto che Thomas Jefferson amava lo spumante Limoux ed era l’unico spumante presente nella cantina personale del presidente.

Sud de France

Un vino dinamico con una storia interessante

Con il desiderio di valorizzare i risultati della regione Occitanie, nel 2006 è nato Sud de France, un modo per incrementare il traffico turistico verso il suo territorio e offrire una garanzia di qualità. Il marchio è nato da un’idea di George Freche, presidente del Consiglio regionale (2004), il quale ha notato che, nonostante le numerose risorse economiche e culturali della regione, essa manteneva un profilo molto basso ed era determinato a cambiare questa situazione. Attraverso il Sud de France, tutti i prodotti enogastronomici della regione Languedoc-Roussillon sono promossi sotto un unico marchio per scopi di marketing. Il gruppo è attualmente guidato da Carole Delga e comprende 1.817 aziende che rappresentano 5.882 prodotti.

Carole Delga nel 2013. Presidente del Consiglio regionale dell’Occitania; Membro del Partito Socialista

La politica francese Carole Delga è membro del Partito socialista (dal 2004) ed è presidente dell’Occitania dal 2016. Dal 2012 al 2017 è stata membro dell’Assemblea nazionale e ha fatto parte della Commissione finanze e difesa. Nel 2014 è stata per breve tempo Segretario di Stato per il Commercio, l’Artigianato, il Consumo e l’Economia sociale e solidale del Ministro delle Finanze e dei Conti pubblici Michel Sapin nel governo del Primo Ministro Manuel Valls.

Delga è noto per aver riconosciuto l’ex regione Languedoc-Roussillon quando ha creato l’Occitanie (una regione con 6 milioni di abitanti), non concentrandosi su Tolosa e includendo i residenti locali nei suoi piani e programmi.

Occitanie/Sud de France Punti di forza

Il clima della regione è un vantaggio per la viticoltura, poiché i forti venti portano l’umidità dal mare e forniscono aria fresca di montagna per asciugare le viti. I terreni vanno dall’argilla-calcarea (che regola la temperatura del suolo) allo scisto (ardesia) a Saint Chinian e all’argilla-calcarea a Picpoul de Pinet.

La Linguadoca-Rossiglione offre oltre 30 vini a denominazione d’origine controllata (AOC), con Corbières, Fitou, Minervois e Côtes de Roussillon i più noti negli Stati Uniti. La regione è nota anche per i suoi vini Vin de Pays, dove le leggi flessibili sul vino permettono di innovare e i viticoltori producono vini interessanti e fruttati, molti dei quali con profondità, concentrazione e potenziale di invecchiamento. I viticoltori possono inoltre approvvigionarsi di uve provenienti da vigneti di tutta la regione e, attraverso il marchio Sud de France, i consumatori possono identificare e selezionare i vini che soddisfano l’equazione prezzo/qualità. Il marchio Sud de France comprende attualmente più di 11.000 prodotti (di cui 2.100 biologici) secondo 24 diversi standard. Tutti i prodotti vengono esaminati da un gruppo indipendente con l’obiettivo di migliorare la riconoscibilità del nome nei mercati esteri e di concentrarsi geograficamente su Europa, Cina e Stati Uniti.

Turismo

Vicina a Barcellona, l’Occitania comprende le regioni di Languedoc-Roussillon e Moyenne-Pyrénées e si distingue per il fascino di Montpellier, Tolosa e Perpignan, che offrono le bellezze del Sud della Francia con meno visitatori rispetto a Parigi e alla Provenza. La regione offre spiagge, vigneti, parchi nazionali e siti culturali, oltre a sentieri per escursioni a piedi, in bicicletta e a cavallo. Essendo una notevole zona vinicola e la culla dello spumante nella città di Limoux, l’avventura culinaria è superba, soprattutto a Collioure (acciughe) e Set (pesce e ostriche).

Vini del Roussillon

In occasione di un recente evento enologico a New York, ho avuto la possibilità di degustare una serie di eccellenti vini del Roussillon. Ecco alcuni dei miei preferiti:

  • Domaine Cabirau, AOP Côtes du Roussillon 2013. 70% Grenache Noir, 20% Syrah, 10% Carigan Noir.
  • Il presidente Dan Kravitz ha acquistato nel 2007 13,5 acri di vigneti nel Roussillon (denominazione Côtes du Roussillon creata nel 1977), situati nel villaggio di Maury (parte francese della Catalogna). Il Roussillon è noto per la produzione di vini secchi, rossi, bianchi e rosati. L’area comprende la metà orientale dei Pyrénées Orientales (versante orientale dei Pirenei) e la parte inferiore del Roussillon.

    Il vigneto si trova a 20 miglia nell’entroterra del Mediterraneo e a 20 miglia a nord della Spagna. Il nome Cabirau è stato mappato più di 100 anni fa. Le viti sono piantate su ripidi pendii di scisto, una roccia scura e tagliente che conferisce al Grenache una caratteristica identità minerale.

    I terreni sono una miscela di scisto, calcare, gneiss e granito. Vendemmiato a mano da viti di Grenache di 25-60 anni piantate su terreni scistosi e da un mix di vecchie viti e nuovi impianti di Syrah e Carignan. Il Grenache non è fermentato, mentre il Syrah e il Carignan sono sottoposti a fermentazione malolattica e a 5 mesi di affinamento in demi-muid da 500 I (botti di rovere da 600 litri).

    Osservazioni

    Alla vista, granato intenso tendente al rosa. Il naso viene premiato con aromi di torta di ciliegie, fragole giovani, lamponi, mirtilli – su uno sfondo di liquirizia, chiodi di garofano, rovere, cola, vaniglia, fiori di campo e spezie (ad esempio, pepe nero). Il palato viene premiato con frutta secca e terra bagnata. Di medio corpo, con acidità delicata e tannini morbidi e rotondi. Finale lungo ed esaltato dai tannini. Si abbina bene con carne di manzo, pasta e vitello.

    • Domaine du Mas Blanc Collection, AOP Banyuls 1975. Grenache Noir, Grenache Gris.

    Le uve vengono raccolte e pigiate a mano, fermentate in acciaio con lieviti indigeni e affinate in demi-muid di rovere da 650 litri per 10 anni.

    Le radici del Domaine du Mas Blanc risalgono alla metà del XVII secolo, con un passo nel XX secolo nel 1921, quando il dottor Gaston Parce iniziò a imbottigliare il suo vino e divenne il principale promotore della denominazione Banyuls (1936). Suo figlio, il dottor André Parce, ha seguito le orme del padre e ha lanciato la denominazione Collioure (1971).

    Il Banyuls è il più raffinato e complesso dei Vin Doux Naturels Fortifiés francesi, un vino nero che cattura il mare, il sole e la pietra. Grazie alla sua vicinanza al mare, che ne tempera i punti di forza fondamentali, il risultato è sapido, affumicato con note di origine marittima.

    Banyuls è la risposta francese a Port. È dolce, potente e prodotto con Grenache raccolto dalle più vecchie viti di Grenache del Domaine du Mas Blanc.

    Osservazioni

    Alla vista si presenta con un colore granato arrugginito, con un aroma simile al porto che suggerisce legno bruciato e spezie dolci al naso. Al palato è ricco di ciliegie, noce moscata, vaniglia e cannella. Offre un lungo finale di mousse di cioccolato dolce/speziato. Si abbina bene a formaggi erborinati, salumi, cioccolato e caffè, vaniglia e caramello, frutta secca e noci.

    Questa è una serie incentrata sul Sud de France.

    Leggete qui la prima parte: Dai contadini ai manifestanti ai viticoltori

    #vino

    About the author